Il gioco nell'America preistorica

Non è la prima volta che viaggiamo nel tempo per indagare sulle origini dei giochi da tavolo e, nella gran parte dei casi, tali storie sono avvolte nel mistero e nelle leggende di popoli antichi, tra misticismo e religione.

 

La storia che vi stiamo per raccontare non fa eccezione. Al contrario, forse non esistono civiltà di cui l’uomo moderno conosca così poco come le antiche civiltà che popolarono l’odierno continente americano.
Non stiamo parlando dei Maya o degli Aztechi, con i quali i conquistadores spagnoli ebbero ampiamente a che fare a partire dalla scoperta del Nuovo Mondo. Vogliamo spingerci molto più indietro nel tempo, nello stesso periodo i cui la civiltà vedeva la sua alba nella Mezzaluna Fertile e gli antichi egizi ponevano le basi per poi scrivere una delle storie più affascinanti che conosciamo .

 Abbiamo già visto che questi popoli, fin dalla loro origine, amavano dilettarsi con giochi da tavolo simili agli odierni Backgammon e Dama. Non si pensi, tuttavia, che gli antichi popoli che vivevano nel continente americano fossero da meno.

In un interessantissimo reportage pubblicato su National Geographic si dà risalto ad una scoperta avvenuta nel 1988 ad opera dell’archeologa Barbara Voorhies, anche docente di Storia presso la University of California, la quale ha rinvenuto resti di quelle che secondo la stessa potrebbero essere le più antiche evidenze di tavole da gioco in Mesoamerica, la regione compresa tra il Messico e il Costa Rica.
Secondo l’autorevole archeologa, i semicerchi rinvenuti sarebbero, probabilmente, delle tavole per giocare a dadi, questi ultimi, purtroppo, non è plausibile che siano sopravvissuti allo scorrere dei millenni. Tali ritrovamenti risalgono infatti a circa 5000 anni fa e vengono attribuiti all’antico popolo Chantuto, vissuto in Messico tra 3500 e 7500 anni fa. A sostegno della sua tesi ci sono delle notevoli somiglianze tra le tavole di cui abbiamo pocanzi parlato e ritrovamenti più recenti, risalenti all’impero Azteco (1500) e al popolo Walapai, vissuto in Arizona nel diciannovesimo Secolo. Tuttavia, al tempo dei Chantuto non esistevano ancora utensili di ceramica e gioielli di alcun tipo, oggetti particolarmente utili per definire lo stato sociale delle persone che utilizzavano gli oggetti che sono stati rinvenuti.

Prima di questa scoperta era noto a tutti gli studiosi che gli antichi popoli che vivevano in America erano soliti usare giochi da tavolo.
Secondo Kathryn Loving i nativi americani giocavano per entrare in armonia con l’Universo. Come scrive Stewart Culin nel suo libro Games Of The North American Indians, pubblicato nel 1907, all’epoca si giocava per appagare le Divinità, aumentare la fertilità dei terreni, per influenzare le condizioni atmosferiche a proprio favore, per allontanare i demoni e anche per curare alcune malattie.

 

 

Last month December 2018 Next month
S M T W T F S
week 48 1
week 49 2 3 4 5 6 7 8
week 50 9 10 11 12 13 14 15
week 51 16 17 18 19 20 21 22
week 52 23 24 25 26 27 28 29
week 1 30 31